Come vengono rimosse le vene con le vene varicose?

Le vene varicose sono una malattia che assottiglia i vasi degli arti inferiori a causa delle interruzioni del flusso sanguigno. Se non è stato possibile ottenere l'effetto desiderato con metodi terapeutici e farmacologici, la rimozione della vena probabilmente aiuterà a curare le vene varicose.

Quando è necessario un intervento chirurgico?

Una procedura simile viene eseguita per varie indicazioni. Le condizioni del paziente sono determinate da un flebologo.Fondamentalmente, viene prescritto quando il problema è già passato a una fase avanzata, nonché in questi casi:

Trattamento laser delle vene varicose nelle gambe
  • se sono insorte complicazioni dopo le vene varicose;
  • quando i segni di malattia compaiono sempre più spesso, portando alla sofferenza del paziente;
  • vene varicose estese;
  • ci sono problemi nel flusso sanguigno dei vasi;
  • si verificano ulcere trofiche e tromboflebite;
  • le vene varicose sono accompagnate da eccessivo affaticamento e grave edema che si sviluppa sulle gambe.

L'operazione, prescritta per le vene varicose, è sicura, eseguita con tecniche innovative. Pertanto, il rischio di complicanze è basso e il corpo non necessita di una ristrutturazione significativa.

Quando l'operazione non è consentita?

Sebbene l'operazione di rimozione delle vene per le vene varicose dia una buona prognosi e venga eseguita con metodi efficaci, ci sono ancora una serie di fattori, la cui presenza è una controindicazione alla chirurgia:

Flebectomia - Rimozione delle vene varicose
  1. Trombosi venosa profonda degli arti inferiori.
  2. Con la comparsa di processi infiammatori sulle gambe, tra cui erisipela ed eczema.
  3. Malattie cardiache e malattie infettive.
  4. 2 ° e 3 ° trimestre di gravidanza.
  5. Età avanzata.

Come prepararsi per un intervento chirurgico?

Prima dell'intervento, il medico prescrive alcuni studi, i cui risultati aiuteranno a scegliere il modo giusto per rimuovere le vene.

Tali studi includono:

  • esame ecografico delle vene (dopplerografia);
  • imaging a risonanza magnetica per rilevare i coaguli di sangue;
  • scansione duplex;
  • analisi del sangue di laboratorio.
Metodi per il trattamento delle vene varicose sulle gambe

Tipi di operazioni

Esistono diversi tipi di interventi chirurgici utilizzati per le vene varicose. Per selezionare l'operazione appropriata, il flebologo tiene conto della gravità della patologia, delle condizioni del paziente, della presenza di ulteriori malattie, delle condizioni della superficie della pelle e dei risultati della ricerca.

I seguenti tipi di intervento chirurgico vengono spesso utilizzati quando è necessario rimuovere le vene con vene varicose:

  • flebectomia;
  • sclerosi;
  • coagulazione laser;
  • chirurgia a radiofrequenza;
  • trattamento a vapore.

Consideriamo queste tecniche in modo più dettagliato.

Coagulazione laser per le vene varicose degli arti inferiori

Metodo di flebectomia

Questo tipo di operazione è considerato classico e riconosciuto come il più efficace, quindi viene utilizzato più spesso di altri. Con questo metodo, le vene dilatate vengono rimosse attraverso incisioni sulla superficie della pelle. Solo quelle parti delle vene vengono rimosse dove c'è danno.

La flebectomia è stata utilizzata per molto tempo e quindi tutte le azioni per eseguirla sono estremamente elaborate. La durata dell'operazione è di 1-2 ore. Il paziente è ricoverato in ospedale solo un giorno.

Nella maggior parte dei casi, la flebectomia viene eseguita in combinazione utilizzando diverse tecniche.

  1. Crossctomy. Piccole incisioni vengono praticate alla giunzione della vena safena dilatata o sopra la membrana giunzionale della parte inferiore della gamba. Le incisioni non sono visibili dopo l'intervento chirurgico. Questa tecnica viene utilizzata più spesso nelle operazioni secondarie per le vene varicose.
  2. Una safenectomia (metodo di Babcock) è una tecnica che prevede la legatura e il taglio della vena principale attraverso un'incisione vicino all'inguine. La vena viene aperta, i tessuti molli vengono separati da essa. Utilizzato per gli stadi avanzati della malattia.
  3. Lo stripping comporta la legatura di una vena con successivo congelamento su uno strumento chirurgico e la sua rimozione. Lo stripping può essere completo o parziale. Questo metodo appartiene agli interventi chirurgici minimamente invasivi. Tutte le azioni vengono eseguite attraverso una puntura nei tessuti superficiali, quindi non è necessaria una sutura.
  4. Microflebectomia. Si differenzia dalla classica flebectomia nell'accesso alla vena, che in questa metodica viene eseguita forando la pelle di 1-2 mm di lunghezza con l'ausilio di appositi strumenti (ganci Varadi).
  5. La dissezione endoscopica viene eseguita utilizzando una sonda inserita nelle vene e quindi asportando la parte interessata del vaso. Questo metodo è caratterizzato da un piccolo numero di possibili complicazioni.
Chirurgia per rimuovere le vene varicose laterali

Metodo di scleroterapia

Con questa tecnica, la superficie interna delle vene viene incollata utilizzando una sostanza chiamata sclerosan, che viene utilizzata per riempire la vena. Successivamente, una nave così incollata si trasforma in tessuto cicatriziale. Questo è un metodo minimamente invasivo che è efficace non solo per le vene varicose, ma anche per il varicocele.

Questo metodo viene eseguito nei seguenti modi:

  • l'ecoscleroterapia, quando i vasi sono incollati insieme, eseguendo iniezioni con uno sclerosante;
  • Tecnica sclerosante Foam-Form, quando la cavità venosa è riempita di schiuma, facendo aderire le pareti.

Metodo di coagulazione laser

La rimozione di una vena nella gamba con vene varicose con questo metodo viene eseguita senza incisioni. Attraverso una piccola puntura nella pelle, il raggio laser, per così dire, sigilla la parte interessata della vena. Questo metodo si è affermato come il più efficace per l'assenza di reazioni collaterali. Inoltre, dopo la coagulazione laser, non vi è praticamente alcuna ricorrenza dei sintomi della malattia.

Rimozione di una vena della gamba mediante coagulazione laser

Questo metodo non necessita di sutura, il paziente operato viene dimesso dall'ospedale dopo poche ore.

La tecnica laser viene utilizzata per trattare piccole vene (fino a 1 mm di diametro). Inoltre, non vi è alcun rischio di infezione durante la procedura.

Metodo di chirurgia a radiofrequenza

Se, in caso di diagnosi di vene varicose, la chirurgia per rimuovere una vena della gamba utilizzando il metodo laser non è indicata per il paziente, viene utilizzata la chirurgia a radiofrequenza. Il metodo denominato non dà conseguenze negative, ma il suo costo supera le operazioni precedenti.

Metodo di trattamento a vapore

Uno degli ultimi sviluppi in flebologia. Durante questa operazione, il vapore entra nella vena interessata, sotto la sua influenza, le pareti della nave vengono incollate insieme. Queste misure sono molto efficaci per l'eccessiva tortuosità della vena.

Paziente con vene varicose dopo il trattamento a vapore delle vene

La tecnica del trattamento a vapore permette di dimettere il paziente dall'ospedale in una giornata. Dopo tale operazione, sulla pelle non rimangono danni o cicatrici.

Vantaggi dei metodi operativi

Il trattamento delle vene varicose rimuovendo le vene delle gambe utilizzando metodi chirurgici moderni ha una serie di aspetti positivi:

  1. Vengono eseguiti con un intervento minimo nel corpo del paziente e interessano una piccola area dall'esterno.
  2. Vengono eseguiti senza anestesia generale.
  3. Il periodo minimo di permanenza del paziente in condizioni di ricovero.
  4. Breve periodo di recupero.

Come sta andando il periodo di recupero?

Il rischio di recidiva della malattia o di reazioni avverse durante questo tipo di intervento chirurgico è basso. Ma durante il periodo di riabilitazione, è importante seguire rigorosamente le istruzioni del medico curante.

Gamba dopo la rimozione delle vene varicose

I requisiti principali che devono essere soddisfatti dopo la rimozione delle vene con vene varicose includono quanto segue:

  • indossare biancheria intima speciale che non consente alle vene di dilatarsi;
  • applicare una benda stretta sulla zona interessata (è meglio usare una benda elastica);
  • frequentando corsi di fisioterapia, aderenza al carico consigliato. Al termine del corso di terapia fisica, continuare a eseguire esercizi ginnici da soli per prevenire il ristagno nel flusso sanguigno delle gambe;
  • l'uso di agenti antipiastrinici prescritti da un flebologo (farmaci per escludere i coaguli di sangue nelle vene);
  • indossare scarpe comode.

Vale anche la pena ricordare che non è possibile sollevare pesi, consentire l'aumento di peso o bere alcolici. Dovresti rifiutarti di andare in sauna, è vietato guidare un'auto ed eseguire qualsiasi lavoro che comporti un duro lavoro fisico.

Possibili complicazioni

Anche una buona operazione non garantisce la completa assenza di reazioni collaterali.

Piedini femminili sani senza vene varicose

Possibili manifestazioni dopo l'intervento chirurgico per rimuovere una vena nella gamba con vene varicose:

  1. Nel caso in cui le terminazioni nervose siano interessate, possono comparire attacchi dolorosi quando si tocca la pelle.
  2. Ematomi significativi. Scompaiono entro 1-4 mesi.
  3. In punti di forature o incisioni, si avverte un sigillo, che scomparirà contemporaneamente agli ematomi.
  4. Gonfiore alle gambe.
  5. Manifestazioni ricorrenti delle vene varicose. Ci sono casi di predisposizione ereditaria o in violazione delle istruzioni mediche.

Al fine di evitare manifestazioni negative, è necessario mantenere le vene ei muscoli in buona forma per il normale funzionamento del flusso sanguigno degli arti inferiori.

Azioni preventive

In caso di eredità sfavorevole, quando ai parenti sono state diagnosticate vene varicose o una persona è a rischio per altri motivi, è importante adottare misure preventive:

Scleroterapia per le vene varicose
  • assumere regolarmente vitamina C, che rafforza le pareti dei vasi sanguigni e migliora le caratteristiche della composizione del sangue;
  • utilizzare farmaci venotonici, la loro assunzione deve essere concordata con un medico;
  • utilizzare biancheria intima compressiva;
  • l'educazione fisica è importante, nuotare, camminare, andare in bicicletta hanno un buon effetto sul lavoro del flusso sanguigno.

La prevenzione implica anche una transizione verso uno stile di vita sano: è necessario riconsiderare la propria dieta e abbandonare le cattive abitudini.